Home | Business Plan | Chi sono i destinatari del Business Plan?

Chi sono i destinatari del Business Plan?

Fare un Business Plan richiede tempo e risorse. L’obiettivo principale è rivolgersi a categorie diverse di possibili destinatari che per motivi differenti sono interessati alla nascente attività imprenditoriale, ad esempio per comprendere se il nuovo business è realizzabile e può generare un reddito sufficiente a remunerare gli investimenti dei soci, è in grado di rimborsare finanziatori esterni che hanno deciso di investire sulla vostra idea.

Sicuramente in molti progetti di impresa ci sono fini sociali, ambientali, scientifici, ecc. e avere fini molto elevati può sicuramente dare forza a qualunque progetto imprenditoriale e non. Tuttavia, visto che stiamo parlando di impresa, l’idea imprenditoriale, dovrà essere traducibile in un prodotto o servizio che verrà acquistato dai clienti e quindi permetterà di realizzare un’impresa che genererà profitti.

Riepiloghiamo quindi chi sono i destinatari del business plan, perché proprio a loro il business plan dovrà dare delle risposte e dei contributi utili a migliorare il progetto di impresa:

1. L’aspirante imprenditore, che vuole capire quante probabilità di successo ha la sua idea imprenditoriale. Prima di scrivere il business plan, l’imprenditore è animato da entusiasmo ed ottimismo, ma non è sicuro che la sua idea sia realizzabile, cioè che diventi un’impresa che sopravvive, si sviluppa e gli dà da vivere. Il business plan gli fornisce maggiori informazioni per risolvere questo dubbio. Talvolta sono necessarie piccole correzioni, talvolta occorre cambiare le ipotesi alla base dell’idea imprenditoriale.

2. Gli investitori esterni, che devono decidere se finanziare la realizzazione dell’idea imprenditoriale. Essi verificheranno che gli autori abbiano una solida padronanza della dinamica dell’impresa e del settore industriale in cui intendono operare e soprattutto che abbiano la capacità di assicurare un buon profitto sui fondi da investire, compatibilmente con il livello di rischio che l’investitore ritiene accettabile.

3. L’imprenditore stesso e i suoi collaboratori, dopo che l’impresa è stata avviata, che ne possono trarre una guida utile per la gestione dell’impresa. A questo scopo il business plan deve indicare una serie di obiettivi parziali da raggiungere. Per assolvere a questa funzione di guida, è necessario che il business plan venga periodicamente rivisto e aggiornato.

4. I partner commerciali, come clienti e fornitori che sceglieranno nella fase iniziale se collaborare con voi anche in funzione del progetto alla base della collaborazione stessa. Ciò naturalmente è vero per i fornitori, che spesso sono strategici per far decollare un progetto di impresa. Trovare accordi con loro può ridurre sensibilmente gli investimenti ed i rischi tipici della fase di StartUp.

Insomma la capacità di chi scrive un Business Plan è quella di rispondere a tutte queste esigenze, con linguaggi talvolta differenti.

Condividi su

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Show Buttons
Hide Buttons

Prima di uscire... hai scaricato l'EBook GRATUITO?

Ebook OMAGGIO: "Dall’idea imprenditoriale al Business Plan"

Se oggi stai pensando di avviare una Start Up o una nuova iniziativa imprenditoriale, probabilmente lo vorrai fare con successo e cercando, nei limiti del possibile, di ridurre al minimo i rischi connessi all’avvio di una nuova impresa.

Registrandoti confermi di accettare l'informativa sulla privacy

Prima di uscire... hai scaricato l'EBook GRATUITO?

Ebook OMAGGIO: "Dall’idea imprenditoriale al Business Plan"

Se oggi stai pensando di avviare una Start Up o una nuova iniziativa imprenditoriale, probabilmente lo vorrai fare con successo e cercando, nei limiti del possibile, di ridurre al minimo i rischi connessi all’avvio di una nuova impresa.

Registrandoti confermi di accettare l'informativa sulla privacy