Home | Business Plan | Alcuni consigli per un buon Business Plan

Alcuni consigli per un buon Business Plan

Scrivere un Business Plan vincente è una bella sfida per chi vuole concretizzare una idea di business e possiamo elencare una serie di consigli utili a chiunque.

Il primo consiglio è quello di preparare un c.d. Executive Summary. L’Executive Summary è fondamentale in quanto è il primo elemento esaminato dagli investitori che spesso, anche in base al suo contenuto, decidono se completare o no la lettura del documento.  L’Executive Summary deve contenere gli elementi più rilevanti del piano e deve spiegare in poche pagine quali sono i motivi principali che lo rendono “unico”.

Chiarire le caratteristiche fondamentali del piano, il piano deve indicare con chiarezza i prodotti da sviluppare ed i mercati cui l’azienda si rivolge. Nel preparare il Business Plan non si dovrà dimenticare che gli obiettivi devono essere congruenti con le risorse a disposizione: ambizione e ragionevolezza devono trovare un compromesso.

Evitare gli slogan, la scuola di pensiero del “fidatevi di noi” non funziona in un Business Plan. Se si ritiene che il prodotto presentato sarà il migliore sul mercato, si dovrà spiegarne il motivo.

La quantità non è sinonimo di qualità, un piano ben scritto deve essere sintetico e pertinente ed avere una lunghezza compresa fra le 30 e le 50 pagine.

La prima impressione è quella che conta, sono molti gli elementi che possono compromettere un Business Plan: affermazioni non supportate, l’uso di uno stile non professionale, numeri che non quadrano, una non efficace organizzazione del testo, errori ortografici, grammaticali o di punteggiatura.

I piani “appariscenti” sono controproducenti, i piani troppo “appariscenti” spesso vengono percepiti come “tutta forma e niente sostanza”, un qualcosa di futile, uno spreco di risorse finanziarie.

È consigliabile servirsi di fonti esterne ed indipendenti per sostenere quanto si afferma. Le dichiarazioni relative al mercato target e alla concorrenza devono essere supportate, nei limiti del possibile, da informazioni di terzi indipendenti: ciò conferisce maggiore credibilità alle previsioni.

Evitare l’uso di un linguaggio ambiguo, termini vaghi come “può darsi”, “probabilmente”, “forse” possono avere un effetto negativo su chi legge.

È preferibile un tono positivo e deciso.

Se hai avuto esperienza nella preparazione di un Business Plan, quali altri consigli ti senti di dare a chi si avvicina a questa sfida?

 

Condividi su

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Show Buttons
Hide Buttons

Prima di uscire... hai scaricato l'EBook GRATUITO?

Ebook OMAGGIO: "Dall’idea imprenditoriale al Business Plan"

Se oggi stai pensando di avviare una Start Up o una nuova iniziativa imprenditoriale, probabilmente lo vorrai fare con successo e cercando, nei limiti del possibile, di ridurre al minimo i rischi connessi all’avvio di una nuova impresa.

Registrandoti confermi di accettare l'informativa sulla privacy

Prima di uscire... hai scaricato l'EBook GRATUITO?

Ebook OMAGGIO: "Dall’idea imprenditoriale al Business Plan"

Se oggi stai pensando di avviare una Start Up o una nuova iniziativa imprenditoriale, probabilmente lo vorrai fare con successo e cercando, nei limiti del possibile, di ridurre al minimo i rischi connessi all’avvio di una nuova impresa.

Registrandoti confermi di accettare l'informativa sulla privacy